News

Forse è passato in sordina, ma in questi giorni stiamo portando a casa i risultati di ben due compleanni “regalati” a Pavia nel Cuore.

Stiamo parlando del compleanno di Luca e di Enrico, due volontari dell’associazione che hanno deciso di chiedere ai propri amici un regalo solidale, finalizzato ad aiutare Pavia nel Cuore nel raggiungimento dei suoi obiettivi.

Il compleanno di Luca

L’età non si dice, ma nel pieno della calura di questa estate, Luca ha scelto di sostenere il progetto di defibrillazione pubblica destinando tutto quanto raccolto per il suo compleanno all’acquisto di un DAE da posizionare in Pavia città.
Il costo di un DAE è piuttosto alto, e noi abbiamo scelto un modello con telecontrollo per monitorarne costantemente il funzionamento, così grazie a quanto raccolto da Luca e ad un’altra generosissima donazione il DAE è diventato realtà ed è stato installato al Café Dublino, scelto per il suo ampio orario di apertura e quindi utile anche alle emergenze nei dintorni.

Il compleanno di Enrico

In ottobre Enrico ha invece scelto di sostenere le attività di formazione, chiedendo ad amici e conoscenti donazioni per acquistare dei manichini che permettessero il controllo della qualità del massaggio cardiaco, strumento ormai essenziale per insegnare una rianimazione di alta qualità, a sua volta essenziale per offrire più possibilità di sopravvivenza e migliore qualità di vita dopo un arresto cardiaco.
Con i proventi dal compleanno, Enrico ha acquistato ben 8 kit di upgrade con il sistema di monitoraggio per tutti gli 8 manichini delle sedi operative di Voghera e Vigevano, che ad oggi ne erano sprovviste.

Oggi i manichini sono stati aggiornati grazie al supporto di Martina e sono stati riconsegnati nelle rispettive sedi, pronti per essere utilizzati nei prossimi corsi!

Da oggi Pavia è più cardioprotetta! Oggi abbiamo installato 3 nuovi Defibrillatori Semi-Automatici Esterni (DAE) presso tre esercizi commerciali ad ampio orario di apertura situati nel centro della città: il Cafe Dublino in Corso Cairoli, il Bar New Street in Strada Nuova e il Bar Room 46 in Via dei Mille (BorgoTicino). Abbiamo appositamente scelto questi locali perchè, essendo aperti per molte ore al giorno, permettono di avere un DAE che può essere utilizzato anche in caso di arresto cardiaco nelle vicinanze e per questo ringraziamo gli esercenti che hanno permesso l’installazione. 

Un grazie enorme va a chi li ha donati: la Fondazione Comunitaria della Provincia di Pavia, la famiglia Novarini di San Genesio, grazie al signor Rino che è stato salvato proprio da un Defibrillatore, e da tanti altri donatori che hanno effettuato davvero tante donazioni in occasione del compleanno di Luca, nostro volontario. Questi Defibrillatori sono stati inseriti, come tutti quelli da noi installati, nella mappatura dell’Azienda Regionale Emergenza Urgenza in modo che gli operatori della Sala Operativa del 118 possano sfruttarli nella rete di soccorso all’arresto cardiaco e si inseriscono nel nostro più ampio progetto “Approccio Integrato all’Arresto Cardiaco nella Provincia di Pavia“, che stiamo con passione realizzando da alcuni mesi in collaborazione con tanti partner, tra cui ASCOM Pavia.Aumentare il numero di Defibrillatori Semi-Automatici Esterni a disposizione dei cittadini, questo è uno dei punti fondamentali del nostro progetto, e questi 3 defibrillatori seguono i 5 che abbiamo installato nei mesi scorsi nel centro di Vigevano, ma non è tutto: a breve ne arriveranno altri 4 in altrettanti esercizi commerciali sempre a Pavia grazie al contributo della Fondazione Comunitaria della Provincia di Pavia. E nel 2019 contiamo di portare a compimento il progetto risultato vincitore del Bilancio Partecipativo 2018 del Comune di Pavia che prevede Defibrillatori anche sul Lungo Ticino, nel parco del Castello e alla Vernavola. All’installazione dei Defibrillatori affiancheremo la formazione degli operatori di questi esercizi commerciali. Insegneremo loro, con un corso BLSD gratuito di 5 ore, come mettere in atto le manovre salvavita e come utilizzare il Defibrillatore. L’invito è ovviamente esteso a tutti coloro che vogliono imparare come salvare una vita, i nostri corsi sono sempre aperti a tutti. 

Pavia nel Cuore è stata fondata il 13 marzo del 2013 da un gruppo di amici desiderosi di fare qualcosa per ridurre il numero di morti per arresto cardiaco.

Leggi Tutto

Emozioni. Sabato 2 dicembre vivremo le emozioni di chi è stato salvato da un arresto cardiaco e di chi è intervenuto, da semplice cittadino, per salvarlo.

Emozioni sul Cuore è una serata che abbiamo fortemente voluto, frutto del lavoro di molti mesi, per festeggiare chi è sopravvissuto ad un arresto cardiaco e chi con coraggio ha iniziato subito le manovre di rianimazione in attesa dei soccorsi.

Leggi Tutto

Corsi BLSD Gratuiti

Pavia nel Cuore è nata con uno scopo ben preciso: aumentare il numero di sopravvissuti dopo un arresto cardiaco. Per farlo ci siamo impegnati fin da subito in due direzioni principali e secondo noi prioritarie: insegnare (gratuitamente) a chiunque le manovre di rianimazione e posizionare in modo capillare defibrillatori (che spesso trovi indicati come DAE, acronimo per Defibrillatore Automatico Esterno). Le due azioni sono strettamente collegate fra loro: infatti non avrebbe senso posizionare defibrillatori senza avere persone capaci di usarli così come sarebbe assurdo insegnare ad usare il defibrillatore senza preoccuparsi che sia a disposizione in caso di necessità.

L’obiettivo che ci siamo posti è ambizioso, data la vastità e la popolosità della nostra provincia: dobbiamo posizionare defibrillatori in quasi 200 comuni ed insegnare le manovre “salva-vita” ad oltre 547.926 persone (fonte ISTAT: popolazione residente comunale al 31 dicembre 2016).

Obiettivo ambizioso, ma raggiungibile, anche in tempi brevi, se avessimo a disposizione le risorse economiche necessarie. Andando al punto, la “cardioprotezione” del nostro territorio è per lo più una questione di soldi (“Money, so they say, is the root of all evil today” cantava qualcuno): servono soldi per acquistare e posizionare defibrillatori; servono soldi per insegnare le rianimazione cardiopolmonare. Per un’organizzazione di volontariato che fonda la propria attività esclusivamente sulle donazioni spontanee non è sempre facile far quadrare i conti, ma dal 2013, anno in cui siamo nati, ce la stiamo  mettendo tutta per centrare il nostro obiettivo.

Parlando di formazione, dando uno sguardo ai nostri dati, notiamo con piacere e soddisfazione un incremento delle attività. Dal 01 gennaio 2014 al 31 maggio 2017 abbiamo insegnato la rianimazione cardiopolmonare a 3.195 persone, organizzando 250 corsi. Chi ha imparato a salvare una vita? Tra i partecipanti ai nostri corsi ci sono stati medici ed infermieri, badanti ed elettricisti, studenti di medicina e gruppi sportivi, pensionati ed avvocati, liberi professionisti e casalinghe. Volevamo formare chiunque, siamo riusciti a formare chiunque: 825 persone nel 2014, 790 nel 2015, 908 nel 2016, 672 nei soli primi 5 mesi del 2017 (in questo periodo abbiamo insegnato le manovre salva-vita al 21% del totale dei partecipanti ai nostri corsi BLSD – Basic Life Support Defibrillation).

 

Grafico 1 – Allievi corsi BLSD 2014-2017 (dal 01/01/17 al 31/05/17)

 

Nel 2014 e 2015 abbiamo organizzato mediamente 5 corsi BLSD al mese; lo scorso anno 6. Dall’inizio dell’anno a fine maggio abbiamo organizzato mediamente 10 corsi al mese. Tutto questo grazie al meraviglioso lavoro dei nostri volontari che scelgono di donare il proprio tempo a Pavia nel Cuore.

Grafico 2 – Corsi BLSD organizzati 2014-2017 (dal 01/01/17 al 30/06/17)

 

Madre Teresa di Calcutta disse: “Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno”. Le 3.195 persone che hanno imparato a salvare una vita insieme a noi sono davvero una goccia nell’oceano dei 547.926 abitanti in provincia di Pavia (lo 0.59%, volendo essere precisi; percentuale che sale a 0,95, quasi l’1 per cento quindi, se aggiungiamo le oltre duemila persone formate da Robbio nel Cuore, organizzazione nostra gemella che svolge la sua attività prevalentemente in Lomellina). Non dimentichiamo, comunque, che l’oceano è proprio un insieme di gocce, e noi, poi, di gocce, ne abbiamo messe molte altre: tanti ragazzi hanno imparato le manovre salva-vita a scuola grazie ai progetti “#SCUOLESICURE” e “Scuola Salva Vita” (vedi www.scuolasalvavita.it per saperne di più), e tantissimi sono i partecipanti ai corsi in cui insegniamo le manovre di disostruzione delle vie aeree in età pediatrica.

Se vuoi aiutarci ad aggiungere gocce nell’oceano puoi sostenere le nostre attività di formazione con una donazione. Abbiamo calcolato che insegnare le manovre salva-vita ha per noi un costo di 9 euro; se tu decidessi di donarci 9 euro ogni mese (rinunciando ad un paio di caffè alla settimana, per esempio), grazie al tuo aiuto, alla fine dell’anno formeremmo 12 persone (vedi http://www.pavianelcuore.it/donazioni/ per saperne di più).

12 persone all’anno che imparano a salvare una vita sono un goccia nell’oceano, ma l’oceano, ce lo siamo già detti, è proprio un insieme di gocce.

Nel mese di maggio ritorna il bel tempo (si spera!) e ritornano gli eventi all’aperto!

Questo mese saremo al fianco di due bellissime attività rivolte ai più giovani e ai loro genitori per diffondere la cultura del primo soccorso insegnando a tutti come intervenire in caso di arresto cardiaco e di soffocamento nei bambini.

Leggi Tutto

Massaggio Cardiaco a Scuola

Sono passati solo un paio di mesi dall’avvio del progetto ScuolaSalvaVita, ma l’entusiasmo dei docenti della nostra Provincia non si è fatto attendere. Ad oggi sono numerose le scuole che hanno già avviato le attività di formazione alle manovre di rianimazione cardiopolmonare al punto che in pochi mesi già migliaia di studenti sono stati raggiunti.

Leggi Tutto

Ad un anno dalla conclusione del nostro primo progetto per le scuole (ricordate #scuolesicure?) che ci ha visto coinvolti in prima persona nelle scuole superiori di tutta la provincia, in questa settimana è partito il nuovo progetto, virtualmente aperto a tutte le scuole d’Italia. 

Leggi Tutto

Fai la differenza. Metti nelle mani di tutti la capacità di salvare una vita.